Suchtmittel
  • LLL:fileadmin/templates/sajv.ch/Resources/Private/Language/it.locallang.xlf
  • Cerca
  • Contatto

Sostanze che creano dipendenza

Incoraggiare i giovani invece di patrocinarli

Il consumo di droghe da parte dei giovani in Svizzera è una realtà. Qualsiasi consumo di droghe, legale o illegale, è associato a rischi per la salute e psicosociali. L'uso di sostanze psicoattive non è quindi mai innocuo o banale. Chiunque faccia uso di droghe deve quindi sapere cosa sta facendo ed essere in grado di valutare i rischi.

E' sbagliato contrastare il consumo di sostanze che creano dipendenza da parte dei giovani solo in modo repressivo. Le misure normative per la protezione dei minori sono un possibile approccio per prevenire o ritardare l'ingresso dei giovani nell'uso di sostanze che creano dipendenza. Tuttavia, l'obiettivo di una politica antidroga significativa ed efficace e sostenibile deve essere quello di consentire ai giovani di sviluppare un approccio responsabile nei confronti delle sostanze che creano dipendenza.

La FSAG invita pertanto i politici a concentrare la loro politica sulle droghe sulla promozione dei giovani e non sul patrocinio. Ciò comprende, in particolare, la messa a disposizione di fondi sufficienti per l'attuazione e la valutazione di misure di sostegno, prevenzione e intervento adeguate e orientate ai giovani. Ad esempio, il sostegno a progetti innovativi di prevenzione, la messa in rete di attori del lavoro extrascolastico con i giovani e il loro sostegno nel trasmettere alla società un'immagine positiva dei giovani.

Alcool

Responsabilità personale e protezione dei minori

La FSAG è impegnata in una politica dell'alcool che pone la tutela dei minori al centro delle sue attività, riconoscendo e promuovendo nel contempo i giovani come attori responsabili delle proprie azioni.

La revisione totale della legislazione nazionale sull'alcool è attualmente in corso. La FSAG esige che la protezione dei minori nei suoi diversi aspetti sia attuata in modo coerente e che ciò non solo consenta ai giovani di imparare a gestire l'alcool in modo moderato, ma anche che gli attori sociali come l'industria dell'alcol o il settore alberghiero e della ristorazione siano ritenuti responsabili nei confronti dei giovani.

È importante che la FSAG non solo ponga l'accento sulla protezione dei minori per quanto riguarda la politica in materia di alcool, ma anche che responsabilizzi i giovani per le loro azioni.

La FSAG invita pertanto i media, i politici e le autorità non solo a presentare i giovani sotto una luce negativa per quanto riguarda il consumo di alcool, ma anche a cercare un dialogo costruttivo con loro e con i rappresentanti del mondo professionale.

La FSAG sottolinea inoltre che i giovani fanno parte della nostra società e che i loro bisogni dovrebbero essere percepiti e discussi con loro: Solo dando ai giovani la possibilità di partecipare alla società, essi possono assumersi la responsabilità delle loro azioni.

La FSAG sostiene inoltre l'atteggiamento dei giovani e degli esperti secondo cui il problema del consumo eccessivo di alcol in Svizzera deve essere affrontato in collaborazione tra giovani ed esperti.

Tabacco

Iniziativa popolare «Sì alla protezione dei ragazzi e degli adolescenti dalla pubblicità del tabacco»

Un argomentario dalla prospettiva delle organizzazioni giovanili

Contenuto dell'iniziativa

Il fumo danneggia la salute, causa gravi malattie e pesa sulla società con elevati costi conseguenti. La stragrande maggioranza dei fumatori inizia a fumare in giovane età. La pubblicità svolge un ruolo centrale in questo senso. L'obiettivo dell'iniziativa popolare è di garantire che i bambini e gli adolescenti non siano raggiunti dalla pubblicità del tabacco e possano svilupparsi in modo sano.

L'iniziativa «Sì alla protezione dei ragazzi e dei giovani dalla pubblicità del tabacco» è sostenuta dalle principali organizzazioni sanitarie in Svizzera (Healthy Switzerland Alliance, mfe - Medici generici e pediatri svizzeri, Swiss Cancer League, PharmaSuisse Associazione svizzera dei farmacisti, Leghe cantonali dei polmoni, Associazione svizzera dei farmaci, FMH, specialisti dei polmoni, cardiologi) e anche dall'Associazione svizzera delle associazioni giovanili.

Il testo dell'iniziativa proposta è disponibile qui.

Perché la FSAG è coinvolta?

La FSAG e alcune delle organizzazioni membri sono fortemente impegnate nella promozione della salute e nella prevenzione del tabacco per bambini e giovani, ad esempio con il programma Voilà per campi sani e le proprie linee guida per i leader o nell'ambito del documento programmatico sulle competenze di rischio per bambini e giovani. La FSAG partecipa inoltre al Gruppo di lavoro nazionale sulle dipendenze e all'Alleanza Svizzera Sana, dove rappresenta la voce dei giovani. Le attuali misure di pubblicità del tabacco, che si rivolgono specificamente ai bambini e agli adolescenti, compromettono questi sforzi. Il divieto della pubblicità del tabacco aumenta quindi l'impatto del lavoro delle organizzazioni giovanili.

Perché vietare la pubblicità per i giovani di tutti i popoli?

Gli studi dimostrano che la maggior parte dei fumatori inizia a fumare da minorenni e che la pubblicità svolge un ruolo centrale. Studi scientifici dimostrano che i giovani che entrano spesso in contatto con la pubblicità del tabacco hanno maggiori probabilità di iniziare a fumare.

L'obiettivo dell'iniziativa non è quello di vietare il fumo tra i bambini e gli adolescenti, ma di consentire loro di effettuare una valutazione significativa dei rischi al momento di decidere se consumare o no. I bambini e gli adolescenti sono in grado di prendere decisioni ben ponderate - anche per quanto riguarda il consumo di sigarette. Tuttavia, le persone (indipendentemente dall'età) possono fare scelte libere solo se dispongono di informazioni complete. E' proprio questo che l'industria del tabacco sta cercando di prevenire con le sue misure pubblicitarie, diffondendo informazioni unilaterali su larga scala. La pubblicità dei produttori di tabacco fornisce un quadro distorto dei "benefici" e dei rischi del fumo e distorce la valutazione dei rischi.

È pertanto necessario regolamentare in modo più rigoroso la pubblicità. D'altro canto, un divieto fiscale equivarrebbe a paternalizzare i giovani e impedirebbe loro di acquisire importanti competenze nella gestione di rischi come il fumo. Inoltre, i nuovi divieti nei confronti dei giovani hanno di solito un effetto controproducente, in quanto hanno maggiori probabilità di innescare il fascino di ciò che è proibito, ed etichettano i bambini e i giovani come capri espiatori. L'iniziativa popolare invita giustamente l'industria del tabacco, che realizza enormi profitti con un prodotto dannoso a spese della salute dei bambini e dei giovani, a fare la sua parte.

Perché l'iniziativa è importante per i bambini e i giovani?

I giovani sono il gruppo target più importante della pubblicità del tabacco, perché i produttori di tabacco dipendono dall'acquisizione di nuovi clienti da parte dei non fumatori, anche perché i fumatori non cambiano quasi mai il loro marchio. Gli sforzi di marketing dell'industria del tabacco si rivolgono quindi direttamente ai bambini e ai giovani, anche se ufficialmente lo nega.

I bambini e gli adolescenti in particolare sono ancora più sensibili alla pubblicità rispetto agli adulti a causa della loro fase di sviluppo. A causa della loro situazione finanziaria, sono più sensibili alle offerte di richiamo (tre pacchetti al prezzo di due) e reagiscono con più forza all'influenza sociale, cioè a prodotti che promettono coolness, popolarità e simili.

L'industria del tabacco lo sa e concentra consapevolmente la sua pubblicità sui giovani. Per esempio, gli annunci di sigarette sul giornale gratuito "20 Minuten" sono sempre sulla pagina "Persone"; secondo i sondaggi, questa è la pagina che i bambini e i giovani leggono di più. Le compagnie del tabacco sponsorizzano anche open air, festival e feste, sono presenti con tende da ballo e stand, distribuiscono gadget gratuiti e fanno vendere sigarette in uscita ai giovani. Gli Open-Air sono eventi che sono anche molto popolari tra i minori e sono chiamati highlights annuali. I giovani sperimentano le aziende del tabacco come promotori culturali e benefattori e ottengono un quadro positivo dei prodotti nocivi del tabacco. I produttori di tabacco cercano consapevolmente di suscitare associazioni positive con il fumo nei bambini e nei giovani. Combinano il consumo di tabacco con il divertimento, la coolness e l'attrattività e presentano le sigarette come un prodotto con un atteggiamento speciale nei confronti della vita.

Ciò si riflette anche nelle somme spese per queste aree pubblicitarie. Mentre negli ultimi anni le spese pubblicitarie classiche dell'industria del tabacco sono scese da 65 milioni di CHF a 15 milioni di CHF, nel settore delle sponsorizzazioni sono passate da 18 milioni di CHF a 105 milioni di CHF.

Occorre combattere una strategia pubblicitaria per un prodotto che crea dipendenza e riduce drasticamente l'aspettativa di vita dei consumatori. I bambini e gli adolescenti non devono essere manipolati per consumare una sostanza che crea dipendenza.

Ulteriori informazioni generali e materiali relativi all'iniziativa sono disponibili sul sito http://fanciullisenzatabacco.ch/